La chiesa di San Nicola

Costruita nel XVI secolo, ospitò la Congregazione dei Sette Dolori, riconosciuta con decreto del 10 marzo 1704.

Nel 1726 arrivò da Napoli la statua della Madonna Addolorata. Intorno al 1806 vi fu un furto sacrilego, ad opera di un alcolizzato, il quale strappò dagli occhi della Madonna I brillanti messi a devozione del popolo al posto delle lacrime. Da questa chiesa, il Venerdì Santo, la statua dell’Addolorata viene portata, nella mattinata, nella chiesa di Sant’Orsola per la liturgia dell’Agonia di nostro Signore mentre a sera viene portata in processione, attraverso le vie cittadine, alla cui conclusione vi è l’incontro con il Cristo morto.

Padre Pio aveva per la Madonna una profonda venerazione e devozione tanto che, nel 1965, fu egli stesso a disporre che la bella statua dell’Addolorata venisse restaurata. A restauro compiuto, e prima che venisse riportata in paese, nel settembre dello stesso anno, Padre Pio volle benedirla personalmente.

La Chiesa è stata affrescata nel 1937 da pregevoli pitture a tempera dell’artista milanese Natale Penati, delle quali purtroppo rimangono solamente due dipinti raffiguranti Santa Rita. Infatti nel 1982 si è verificato un secondo crollo del soffitto, a seguito del quale è andato perduto il dipinto della “Deposizione”, un vero capolavoro, del quale tuttavia possiamo riprodurre la fotografia che venne eseguita prima del crollo.

Come raggiungere la chiesa di san Nicola: